Cipresso.jpg

Cipresso significato spirituale e simbolismo

Il cipresso è il simbolo dell’immortalità, appartenente alla famiglia delle Cupressaceae, comprende alberi che possono raggiungere anche i 50 metri di altezza. Impariamo di più sul simbolismo, il significato spirituale e gli usi del cipresso.

La maggior parte delle specie, originarie del Messico e della California, sono oggi presenti in tutte le regioni dell’emisfero settentrionale a clima caldo o temperato-caldo. Le sue caratteristiche principali sono decisamente uniche e sono spesso utilizzate a scopo ornamentale.

Questi alberi hanno una corona generalmente affusolata, piramidale e molto ramificata.

I rami sono molto sottili e ospitano numerose foglie ridotte a squame, strettamente addossate l’una all’altra o divaricate all’apice. In alcune specie il colore delle foglie appare verde molto scuro mentre in altre hanno un colore verde-azzurro molto particolare.

I fiori sono poco appariscenti mentre i frutti si presentano come coni legnosi dalla forma arrotondata suddivisi in diverse squame. Queste squame, una volta raggiunta la maturità, tendono ad aprirsi gradualmente, rilasciando piccoli semi.

Durante i due secoli e mezzo di instaurazione dell’Islam in Sicilia, i musulmani introdussero nell’isola la coltivazione di questo albero. Ora, mille anni dopo, questi snelli alberi, avvolti da bouganville rosa, fanno da sfondo agli imponenti templi greci e romani. E nel capoluogo, l’Orto Botanico di Palermo custodisce i cipressi più grandi d’Europa, con oltre 1.200 anni di storia.

Simbolismo del cipresso

Il cipresso è il simbolo dell’immortalità come emblema della vita eterna dopo la morte e infatti si trova spesso nei pressi dei cimiteri. Per la sua assoluta verticalità, il suo movimento verso l’alto, indica l’anima che si muove verso il regno celeste.

È l’albero di Ade, dio degli inferi. Poiché il fogliame scuro di questo albero esprime malinconia e dolore, i sacerdoti dell’Ade ne fecero delle corone e stesero le loro vesti durante i sacrifici.

L’origine mitologica di esso è raccontata nella leggenda greca di Ciparisso. Apollo, dio del sole, si era innamorato della bellezza del giovane Ciparisso, che aveva come compagno un cervo addomesticato. Mentre si esercitava con l’arco un giorno, colpì mortalmente il cervo. Così grande era la sua disperazione che implorò la morte.

Significato spirituale del cipresso

Secondo una leggenda persiana, fu il primo albero a crescere in Paradiso. Grazie alle foglie sempreverdi e del legno considerato incorruttibile, divenne l’immagine vegetale dell’immortalità. Non a caso ha spiccate qualità medicinali, foglie e frutti contengono un olio essenziale molto aromatico che ha azione vasocostrizione e protettiva sui capillari. La tintura di cipresso è indicata per il trattamento di flebiti, vene varicose ed emorroidi.

I minoici lo adoravano come manifestazione divina e il culto si estendeva da Cipro a Creta. In Egitto, il suo legno veniva usato per costruire le bare. In Oriente evocava fertilità per il suo aspetto vagamente fallico.

Se, nell’arco di tre mesi, il suo ramo viene tagliato lentamente, diventerà un vero e proprio strumento di guarigione. Basterà farlo scorrere sulla persona da guarire, premendo sulle parti dolenti e bruciando la punta per purificarlo. Radici e coccole possono essere bruciate come incenso per amplificare la guarigione spirituale. Indossarne il ramoscello durante i funerali dona conforto e alleggerisce il dolore del lutto.

È un albero che contiene energia protettiva e protegge la casa dalle energie negative.

Secondo un’antica credenza, alcuni rami di cipresso posti sulla tomba dei propri cari li avrebbero aiutati nel loro viaggio ultraterreno garantendo loro amore e fortuna. L’olio essenziale rafforza la meditazione e viene utilizzato nei rituali. Simbolo di longevità ed eternità, le persone in passato portavano con sé un pezzo del suo legno per proteggersi dai pericoli e garantire una lunga vita. Sette coccole di cipressi infilate su una corda rossa allontanano il dolore e le avversità dalla propria vita.

Usalo per protezione, propiziare la longevità, meditare, aiutare i morti, acquisire maggiore consapevolezza, ricevere aiuto e conforto nei momenti di transizione, capire cosa è superfluo, arrivare alla radice dei problemi. Le pietre da associare a questo albero sono l’ossidiana fiocco di neve, il quarzo siciliano, l’agata blu.

Cipresso nelle diverse culture

Il simbolico Albero della Morte, legato ai cimiteri, è anche l’Albero balsamico della Vita perché è in grado di ridare salute a chi si rivolge a lui respirandone le essenze. È sottile, stretto, molto alto e sembra un dito che punta al Cielo. Da più di venti secoli adorna i cimiteri dei popoli di cultura cristiana in tutto il bacino del Mediterraneo. E ha anche dato il nome a un’isola, Cipro, i cui abitanti l’hanno venerato in tempi lontani.

Una delle più antiche rappresentazioni dell’albero della vita – si trova nell’Egitto faraonico, Un simbolo solare rappresenta l’ottimismo, la vita e la speranza che prevalgono. Queste immagini sono molto lontane dalle concezioni latine di questo albero.

La civiltà islamica ha provato ammirazione per questo albero, come ha fatto con la palma. Nella decorazione del Palazzo Imperiale di Topkapi, a Istanbul, vediamo sette alteri cipressi accoppiati a dodici rami.

Gli epitaffi delle tombe musulmane dell’Anatolia, in Turchia, sono per lo più decorati da cipressi. Artisticamente rappresentati, che conferiscono loro un alone di serenità e immortalità. Ciò contrasta ancora una volta con il senso necrologico in Occidente, e come eredità dei romani, diamo ai nostri cimiteri.

Lascia un commento Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *